Valeria Gennaro
  1. Valeria, “TU” in tre pregi e tre difetti. Di cosa ti occupi?

Non ho mai abbandonato la mia passione per la scrittura e per la carta stampata. È da quasi un decennio che sono giornalista. Ho fatto la mia gavetta lavorando per il cartaceo Quotidiano della Basilicata, ma intanto ho lavorato come consulente di comunicazione in Regione e come educatrice. Da qualche anno lavoro a scuola e proseguo la mia attività giornalistica. Attualmente collaboro per la Gazzetta del Mezzogiorno e lavoro come editor di cinema e moda per un Giornale di Cagliari. Non credo nelle cesure nette, pregi e difetti si contaminano vicendevolmente.  Sono un’appassionata viscerale, perché credo in ogni cosa che faccio. I progetti incompiuti non fanno per me. Amo la libertà e certi livelli elettivi. Sono generosa ed empatica. Ostinata in certe circostanze, forse solo per “eccesso di passione”.

 



  1. Il tuo idolo nel campo della scrittura/cultura/spettacolo/moda/musica

Mi sono presentata per la prima volta in una redazione giornalistica dopo aver completato la mia laurea in Comunicazione, fra le mani la mia tesi sul linguaggio giornalistico di Oriana Fallaci (una rivoluzionaria nel settore). Ricordo di aver saputo esprimere alla caporedattrice l’esatta dimensione della mia passione e che il mio primo pezzo finì in prima pagina: fu una soddisfazione. Da circa cinque anni è cresciuta anche la mia affezione per la settima arte. I film del regista francese François Truffaut sono stati quelli di iniziazione, perché Truffaut ha saputo spostare il focus proprio lì dove lo avrei piacevolmente seguito…Mi ha catturato la sua letterarietà cinematografica, i personaggi del suo universo  leggono-scrivono-bruciano LIBRI.



  1. L’opera più famosa che avresti voluto realizzare e perché?

Credo che ogni grande opera d’arte sia incommensurabile, proprio perché espressione di una singolarità umana. Perciò non saprei scegliere, come una bambina non saprebbe scegliere di quale bambola disfarsi. Sono tutte significative per lei! Vi è anche un legame sentimentale da rispettare.  Non  saprei scegliere quali film o libri consigliarle. La spingerei senz’altro  verso l’opera autorale, ma non saprei da quale farla cominciare. Ognuna comunica la sua essenza specifica, ci porta a scandagliare un certo aspetto della personalità, ci fa regredire a un certo stadio della vita…

 



 

  1. Valeria, la tua citazione famosa preferita?

Citerei Charles Baudelaire ma per la stessa ragione non ho una citazione preferita. Certamente quelle che più mi rappresentano sono quelle sul carattere, sulla personalità e sulla libertà. Mi trovi una citazione su questi temi e sarà la mia preferita.

 



  1. Come nascono la passione per la scrittura e per il cinema?

Con una mia amica di infanzia  giocavamo ad annunciare le notizie più calde del TG, “armate” di spazzola per capelli usata a mo’ di microfono, inoltre ci  divertiva dire “ciak, si gira”…elementi che ci sono ancora  nella mia vita. Quindi credo che la passione per il cinema e la scrittura siano nate quasi inconsapevolmente. Per quanto riguarda il cinema, dopo la laurea magistrale in Teoria e filosofia della comunicazione,  all’ Università sono stata nominata cultrice della materia, ero un’assistente per  la cattedra di Storia del cinema, così ho iniziato a dirottare la mia scrittura dalla cronaca cittadina verso il pezzo di opinione,  verso la settima arte e il fashion.

 



  1. Cosa diresti a chi vorrebbe iniziare un percorso come il tuo, come giornalista e scrittrice?

C’è ancora tanta strada da fare per migliorarsi. Ma a chiunque voglia fare della sua passione il proprio lavoro, consiglierei di studiare tanto, di lanciarsi in nuovi progetti, di fidarsi delle intuizioni. Non abbiate timore del  “fuoco”, piuttosto scegliete di vivere ogni giorno con eccesso di passione e, per citare Virginia Woof “ senza nessun bullone regolato sulla libertà della vostra mente”.

 



  1. Contatti

 

Fb: Valeria Gennaro

Instagram: Blindingfashionblog

Mail: valeriagennaro@alpifashionmagazine.com

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *