Seguici su:

news

IL PROGETTO “GIALA” DI GIANDA E LAURA

Pubblicato

il

Questa intervista, rivolta a Giala nasce con il fine di promuovere il lavoro di chi ha raggiunto le sue soddisfazioni, piccole o grandi che siano mettendoci determinazione, impegno e soprattutto passione.

Chi è Giala?

Giala, coppia artistica musicale ed eclettica nasce dalla collaborazione collaudata di Giovanni Gianda Bedetti e Laura Battello, vediamo cosa ci raccontano..

Giala” in tre parole per dirci di cosa si tratta e di cosa vi occupate.

Già incontra Là e il suono appare” Così rispondono alla primissima domanda i nostri artisti di oggi…Ma vediamo con maggiori dettagli cosa rende speciale il loro progetto.

“Giala” nasce dalla vita. Entrambi siamo cresciuti suonando o cantando ogni giorno anche senza pubblico, per il puro piacere di realizzare musica…Là, dopo alcune esperienze giovanili con qualche gruppo, come cantautrice e insegnate ai bambini piccoli, ha fermato il suo porto in Già.

Già è un espertissimo tecnico del suono oltre che un musicista!Già ha proseguito in attività laboratoriali per bambini di tutte le età.!In particolare sono da menzionare il “club74 gruppo musica” all’OSC di Mendrisio e il progetto musicale Alchechengi con l’A.P.S Margini Obliqui (che trae il nome dal primo libro pubblicato da Già) presso il DSM dell’azienda ospedaliera S.Anna di Como. Questo progetto è condiviso anche da Là da qualche anno.

I nostri motti sono:

G: “la musica è una maniera di conoscere il mondo senza bisogno di spiegarlo”

L: “non c’è scusa per perdersi perchè la musica ti riporta”.

Qual’è il background artistico o umano a cui vi ispirate o che vi ha influenzato più o meno consapevolmente?

G: “il volo e l’orto”

L: “la speranza”

Il libro, l’opera d’arte, il brano musicale, il film o la trasmissione televisiva/ radiofonica (ecc…) più famosa che avreste voluto realizzare voi..

G “tutte le cose che mi piacciono, se volete l’elenco vi do l’indirizzo!”

L “mi sarebbe piaciuto essere spiritual e gospel, e poi scrivere come gli Amazing Blondel”.

In cosa consiste il vostro lavoro ispirato ad Emily Dickinson?

G:Emily Dickinson scriveva canzoni e nessuno se ne era accorto..

L: Sì io credo che le avesse scritte perchè Gianda le ritrovasse, difatti le musica dal 1992 ma io avevo solo 3 anni allora..Quando ci siamo incrociati ha pensato di riprenderle e dedicarmi la possibilità di cantare queste poesie, questo per me è stato un enorme dono perchè so quanto ci tenesse.

Se poteste riassumere riassumere in poche parole la vostra filosofia di vita cosa direste?

G&L: “Se la specializzazione uccide l’uomo, ci interessiamo alle cose di cui l’uomo e la donna hanno bisogno per poter vivere..e da lì traiamo la nostra ispirazione”.

Uno dei libri di Gianda, “L’estate dietro l’orecchio sinistro”, parla del rapporto con la coltivazione dell’orto.. poetica fantasia o realtà quotidiana?

Poetica realtà. La fantasia è l’unica arma che abbiamo per decifrare la realtà e l’orto ha molta fantasia.

Bene, vi invitiamo a curiosare sul nostro sito perchè come si dice: “Una parola è poca e due sono troppe!”Se amate la musica riceverete un gradito omaggio!

https://angolobianco.wixsite.com/gialaomaggio

Contatti

L’articolo IL PROGETTO “GIALA” DI GIANDA E LAURA proviene da Passione Vera.

continua
Annuncio
commenta

Scrivi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

news

Mattia Spirito e il suo ultimo libro Arthur Conan Doyle

Pubblicato

il

da

L’autore del libro Mattia Spirito

Mattia Spirito chi sei in tre pregi e tre difetti

Difficile come sempre descrivermi. Tre pregi: Mi definisco e definiscono una persona sempre disponibile e altruista. Affettuoso con chi lo merita e sicuramente un ottimo confidente.

I miei difetti sono più di tre… non so quale scegliere. Testa dura, eccessivamente sognatore, spesso permaloso. Ma ho anche di peggio.

Che fai nella vita e da quanto tempo scrivi

Lavoro in un negozio di articoli per la casa. Dopo la giornata lavorativa e la stanchezza accumulata, dedico, se riesco il resto della serata alla scrittura, ma ho sempre poche ore a disposizione dato che necessito di riposo anche per la giornata successiva. Ma cerco di approfittare degli sprazzi di tempo il più possibile. Porto con me un taccuino in auto per segnarmi degli appunti se ho delle idee improvvise. Oppure se sto ricercando qualcosa, segno tutto a penna e poi riformulo gli scarabocchi al pc in un secondo momento.

Mattia Spirito come è nata la tua passione per la scrittura e secondo te a che tipo di pubblico si rivolge ? Che tipo di messaggio vuol lanciare la tua opera?

Ciò che scrivo, si rivolge a chiunque abbia l’interesse, anzi la curiosità di leggere e conoscermi. Senza impegno eh. Più che voler lanciare messaggi, voglio giocare assieme ai lettori, in mondi nuovi tra pericoli, dolori, paure e amori mai provati e utopici. Staccare dalla realtà assieme a voi tutti, mi fa sentire partecipe di qualcosa di molto più grande dell’ordinario insipido e a volte marcio e crudele. Oppure voglio scoprire leggende e storie di uomini, come Arthur Conan Doyle, nel saggio a lui dedicato : Artur Conan Doyle: tra l’ombra di Sherlock e la mano dell’occulto, uscito da poco e disponibile su Amazon.

C’ è un passo del tuo ultimo libro che secondo te, ne riassume un po’ il senso?

Watson stimola Holmes, pone domande, s’interroga a voce alta e crea quesiti, ma commette anche errori che permettono a Holmes di escluderli e di spronare il suo pensiero e la sua fantasia, portando alla nascita e al compimento di nuovi tasselli, su cui, senza la vicinanza del buon dottore, non vi sarebbe stata la possibilità o l’occasione di meditare. Il ruolo principale di questo personaggio è quello di accompagnarci nelle avventure di Holmes, di insegnarci ad amare, seppur non senza difficoltà, questo investigatore che non incarna il classico eroe, dipendente dalla cocaina nei periodi di inattività, asociale, ma con un intelletto al di fuori dal comune e con un grande senso di giustizia. Il compito di Watson è quello di permetterci di apprendere al meglio il metodo deduttivo e di farci appassionare alle storie che egli vive e che noi viviamo tramite i suoi occhi. Di farci accapponare la pelle e rabbrividire nell’immaginare la figura ombrosa e possente del mastino dei Baskerville, di farci udire il suo flebile ringhio e il calore del suo alito, di farci sudare freddo al pensiero del suo sguardo demoniaco che si posa su di noi, bramandoci come preda. Noi viviamo e diventiamo Holmes attraverso il suo evocare luoghi, immagini e suoni. L’aspetto più affascinante è che noi viviamo entrambi i personaggi, all’unisono, come se si fondessero in un’unica grande e inscindibile amicizia.

Credo che questo passo possa spiegare al meglio come Doyle in realtà sia più simile ad Holmes di quanto voglia farci credere. Un ottimo stratagemma per celare sé stesso e le sue abilità.

Mattia Spirito, il tuo motto il tuo stile di vita?

Usurperò il motto di Sir Francis Drake “Sic Parvis Magna” ovvero da umili origini verso grandi imprese. Lo trovo un modo speranzoso e puro per trasmettere forza e vigore in ognuno di noi. Tutti partiamo dal nulla e dal poco. Ed è attraverso quell’inizio che possiamo creare un mondo di occasioni e di ottimi risultati. Partiamo dal niente e creiamo il nostro tutto.

Prossimi eventi

Ho in mente due nuovi saggi. Uno tratterà argomenti pirateschi. Dell’altro non posso rivelare ancora nulla. Ed in programma vi è un’autopubblicazione Urban Fantasy. Per il resto vi lascio la giusta suspense.

Mattia Spirito Contatti

Mattia Spirito – Autore / Mattia Spirito (Facebook )

mattia_spirto_autore (instagram)

Mattia – Autore (Twitter )

L’articolo Mattia Spirito e il suo ultimo libro Arthur Conan Doyle proviene da Passione Vera.

continua

news

Beppe Braida presenta l’album di Bob Matty “Note dalle stelle”

Pubblicato

il

da

Copertina dell’ultimo album di Bob Matty “Note dalle stelle” realizzata da Anna Maria Di Manno

Bob Matty sta per uscire con il suo nuovo album “Note dalle stelle” prodotto dalla Sdf Sound Wave di Simone De Filippis e la novità sensazionale sta nel video che l’artista Beppe Braida ha realizzato. Si tratta di un video di presentazione che valorizza il cantante Bob Matty.

Chi è Beppe Braida? Comico e cabarettista dal 1989 nel 2007 ha condotto il programma televisivo Colorado Revolution su Italia 1 fino alla prima metà del 2009 e ha partecipato all’edizione 2007-2008 di Buona Domenica.

Come tutti avranno notato, il cantante Bob Matty in questi giorni non è rimasto fermo, al contrario ha pubblicato un video sul suo profilo Facebook in cui è in compagnia di Spectro Maledikto, nel suo Spectro studio… Non dimentichiamo che il nuovo album a cui Bob Matty sta lavorando sarà composto da 8 canzoni e tra queste Bob Matty duetterà con Bobby Solo e Simone De Filippis

L’articolo Beppe Braida presenta l’album di Bob Matty “Note dalle stelle” proviene da Passione Vera.

continua

news

Intervistiamo i Middle Disaster

Pubblicato

il

da

“VOI”Middle Disaster in tre pregi e tre difetti, hobbys

Siamo un gruppo pieno di idee, con molte cose da dire e che sa dare il giusto spazio ad ogni componente. A volte sono troppe le idee e finiamo col dimenticarcele (per fortuna le registriamo), a volte ci precludiamo soluzioni semplici che rivoluzionerebbero il nostro sound (#dateceledoppievoci) e spesso è volentieri ci piace litigare (l’amore non è bello se non è litigarello diceva quello).

Di hobby ne abbiamo molti ma la saletta ha un fascino irresistibile.

Il vostro rapporto con la musica vi piace quello che fate? Per voi è una passione vera o…?

Ognuno ha la sua vita e sebbene nessuno di noi si lamenti per il lavoro che ha, tutti e quattro puntiamo al palco.

Avete incontrato ostacoli fino ad oggi?Quanto è stata importante per voi la passione che avete messo in quello che avete realizzato?

Nel mondo della musica le difficoltà ed i problemi sono infiniti: da quelli che riguardano le dinamiche di gruppo (a volte è difficile andare d’accordo in due, figuriamoci in quattro!), a quelli che riguardano l’affermazione di un gruppo emergente in Italia, per l’enorme varietà di produzione musicale è sempre più difficile farsi notare e riuscire a fare il passo decisivo nel panorama musicale. Il grande consiglio che ci sentiamo di dare è: non arrendetevi mai, puntate sempre tutto su voi stessi e non accontentatevi delle belle promesse che spesso vengono fatte ma siate i vostri primi promotori.

Il vostro rapporto con la vita, il vostro motto, le vostre credenze

Il nostro motto potrebbe essere “chi fa da sè fa per tre”, infatti ultimamente ci stiamo prendendo cura di tutto l’ambito produttivo dei nostri pezzi, dalla nascita, alla post produzione fino ad arrivare al mastering. Per fortuna stiamo trovando delle collaborazioni fortunate per quanto riguarda la pubblicità e la promozione dei singoli che abbiamo. La nostra passione è la chiave di tutto, senza passione non riusciremmo a fare un quarto di quello che stiamo, passo passo, costruendo. La vita è un morso e non si può lasciare andare nessuna occasione.

Il vostro idolo, c’è qualcuno a cui vi ispirate per realizzare la vostra musica?

È difficile trovare un idolo che rappresenti tutta la band ma sentiamo molto forti le influenze di gruppi come i Green Day, soprattutto I Green Day degli anni novanta, carichi di rabbia sociale e adrenalinici. Un personaggio nel mondo della musica molto importante nel nostro modo di vedere la musica e la vita potrebbe essere Dave Ghrol, lui ha perso uno dei suoi più cari amici perdendo anche la band e la musica e, nonostante tutto, trovó la forza di andare avanti e ricominciare da zero.

IMiddle Disaster,il libro, l’opera d’arte, o  la trasmissione televisiva/ radiofonica  (ecc…) più famosa che avreste voluto realizzare

Ce ne sarebbero moltissime, quella che mi ha colpito di più però è il “Compianto del Cristo morto”. Un’opera di terracotta di Niccoló dell’Arca, si trova a Bologna, credo tutti la debbano vedere almeno una volta nella vita poiché dalla terra è riuscito a trasmettere il dolore puro che si prova nel perdere una persona a noi cara. Non credo di aver trovato molte altre opere capaci di trasmettere un’emozione così forte e pura. Spero di riuscire a trasmettere emozioni così anche con la musica, poiché questo credo sia la vera essenza della musica.

La tua citazione famosa preferita

Volere è potere, questa frase è un po’ il senso stesso della vita

Il tuo ultimo “successo”lavorativo, affettivo, quanto è il frutto della tua spontaneità ed esperienza e quanto invece è il risultato  di fattori esterni

Il nostro ultimo successo è indubbiamente il rilascio dei nostri primi due singoli. Ci abbiamo messo tutti noi stessi e speriamo si senta forte e chiaro!

Middle Disaster e Prossimi eventi

A breve avremo novità dal punto di vista musicale. Stiamo anche lavorando sul videoclip di Sweet cherry, che sarà il nostro primo video in assoluto. Abbiamo in programma più interviste e speriamo di riprendere a suonare live che non ne possiamo più di suonare senza pubblico!

Contatti

Potete trovarci su:

Facebook: Middle Disaster

Instagram: middle_disaster

articoli simili: https://www.passionevera.it/celeste-caramanna-ci-racconta-chi-e/

L’articolo Intervistiamo i Middle Disaster proviene da Passione Vera.

continua

Trends