Seguici su:

news

IL PROGETTO “GIALA” DI GIANDA E LAURA

Pubblicato

il

Questa intervista, rivolta a Giala nasce con il fine di promuovere il lavoro di chi ha raggiunto le sue soddisfazioni, piccole o grandi che siano mettendoci determinazione, impegno e soprattutto passione.

Chi è Giala?

Giala, coppia artistica musicale ed eclettica nasce dalla collaborazione collaudata di Giovanni Gianda Bedetti e Laura Battello, vediamo cosa ci raccontano..

Giala” in tre parole per dirci di cosa si tratta e di cosa vi occupate.

Già incontra Là e il suono appare” Così rispondono alla primissima domanda i nostri artisti di oggi…Ma vediamo con maggiori dettagli cosa rende speciale il loro progetto.

“Giala” nasce dalla vita. Entrambi siamo cresciuti suonando o cantando ogni giorno anche senza pubblico, per il puro piacere di realizzare musica…Là, dopo alcune esperienze giovanili con qualche gruppo, come cantautrice e insegnate ai bambini piccoli, ha fermato il suo porto in Già.

Già è un espertissimo tecnico del suono oltre che un musicista!Già ha proseguito in attività laboratoriali per bambini di tutte le età.!In particolare sono da menzionare il “club74 gruppo musica” all’OSC di Mendrisio e il progetto musicale Alchechengi con l’A.P.S Margini Obliqui (che trae il nome dal primo libro pubblicato da Già) presso il DSM dell’azienda ospedaliera S.Anna di Como. Questo progetto è condiviso anche da Là da qualche anno.

I nostri motti sono:

G: “la musica è una maniera di conoscere il mondo senza bisogno di spiegarlo”

L: “non c’è scusa per perdersi perchè la musica ti riporta”.

Qual’è il background artistico o umano a cui vi ispirate o che vi ha influenzato più o meno consapevolmente?

G: “il volo e l’orto”

L: “la speranza”

Il libro, l’opera d’arte, il brano musicale, il film o la trasmissione televisiva/ radiofonica (ecc…) più famosa che avreste voluto realizzare voi..

G “tutte le cose che mi piacciono, se volete l’elenco vi do l’indirizzo!”

L “mi sarebbe piaciuto essere spiritual e gospel, e poi scrivere come gli Amazing Blondel”.

In cosa consiste il vostro lavoro ispirato ad Emily Dickinson?

G:Emily Dickinson scriveva canzoni e nessuno se ne era accorto..

L: Sì io credo che le avesse scritte perchè Gianda le ritrovasse, difatti le musica dal 1992 ma io avevo solo 3 anni allora..Quando ci siamo incrociati ha pensato di riprenderle e dedicarmi la possibilità di cantare queste poesie, questo per me è stato un enorme dono perchè so quanto ci tenesse.

Se poteste riassumere riassumere in poche parole la vostra filosofia di vita cosa direste?

G&L: “Se la specializzazione uccide l’uomo, ci interessiamo alle cose di cui l’uomo e la donna hanno bisogno per poter vivere..e da lì traiamo la nostra ispirazione”.

Uno dei libri di Gianda, “L’estate dietro l’orecchio sinistro”, parla del rapporto con la coltivazione dell’orto.. poetica fantasia o realtà quotidiana?

Poetica realtà. La fantasia è l’unica arma che abbiamo per decifrare la realtà e l’orto ha molta fantasia.

Bene, vi invitiamo a curiosare sul nostro sito perchè come si dice: “Una parola è poca e due sono troppe!”Se amate la musica riceverete un gradito omaggio!

https://angolobianco.wixsite.com/gialaomaggio

Contatti

L’articolo IL PROGETTO “GIALA” DI GIANDA E LAURA proviene da Passione Vera.

continua
Annuncio
commenta

Scrivi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

news

Il Rapper Siciliano Picciotto contro il tumore dell’amianto fuori con “Ancora sotto casa mia”: Musica per la ricerca scientifica

Pubblicato

il

da


Il Rapper Siciliano Picciotto si dedica da anni al problema sociale legato all’amianto e alla sua “fibra killer” che ogni anno colpisce centinaia di persone facendole ammalare di mesotelioma.

Un tumore maligno considerato raro ma molto frequente in alcune aree geografiche, come quella di Casale Monferrato, Alessandria e Biancavilla.

Il Rapper Siciliano Picciotto racconta: “Nel 2016, con Sotto Casa Mia, ero riuscito a muovere un po’ le acque.

Ma a distanza di anni il problema si ripresenta

La bonifica del territorio ancora incompleta tutto resta fermo.

Il Rapper Siciliano Picciotto

Per questo motivo, l’artista convalida la sua dichiarazione proponendo “Ancora sotto casa mia”, brano che mira a dare un contributo alla ricerca scientifica attraverso una campagna di raccolta fondi dedicata alla cura del mesotelioma.

Organizzata dal Dottor Gregorio Bonsignore per sviluppare un progetto nell’ambito di un dottorato di ricerca in collaborazione tra il Dipartimento di Scienze e Innovazione Tecnologia (DISIT) dell’Università del Piemonte Orientale e l’Azienda Ospedaliera di Alessandria.

Il Rapper Siciliano Picciotto

La campagna di raccolta fondi presente su Gofundme è stata lanciata dalla Fondazione SolidAL Onlus che, insieme all’Azienda Ospedaliera di Alessandria, promuove l’attività di supporto alla ricerca che trova la propria sintesi in “Solidal per la Ricerca”.

“Solidal per la Ricerca”, infatti, sostiene lo sviluppo della conoscenza e dell’informazione consapevole del valore e del contributo per l’intero territorio.

Ancora sotto casa mia” del Rapper Siciliano Picciotto si presenta con una veste nuova: un remix a cura di Dj Crocetta e la collaborazione della cantante (e dottoressa) Stefania Crivellari, che, insieme al Dottor Bonsignore sopra menzionato, al Dottor Elia Ranzato, e alle Dottoresse Federica Grosso e Simona Martinotti, formano il gruppo di ricerca del progetto.
Da menzionare inoltre che, la Dottoressa Stefania Crivellari è stata semifinalista Nazionale nell’Area Sanremo 2018 con il brano “Piombo Fuso Nelle Vene”.
Il Rapper Siciliano Picciotto
Questo singolo, unico nel suo genere, è disponibile su tutti gli store digitali e farà parte del disco di prossima uscita di Picciotto, Don Picciotto, ed esce insieme a un video firmato dalla regia di Fabio Di Dio Buono.

Mentre la cura del suono, non ci sono dubbi, come il mixaggio e il mastering hanno come riferimento il produttore Calabrese Peppe Cirino.

altri articoli :

L’articolo Il Rapper Siciliano Picciotto contro il tumore dell’amianto fuori con “Ancora sotto casa mia”: Musica per la ricerca scientifica proviene da Passione Vera.

continua

news

Ramona e le sue ricette: Torta alla mostarda d’uva e pistacchio

Pubblicato

il

da

Ramy ci svela la ricetta per la torta alla mostarda d’uva e pistacchio!


Ingredienti :

  • 2uova
  • 8 cucchiai di zucchero
  • 8 cucchiai di farina 00
  • 8 cucchiai di olio extravergine d’oliva delicato
  • 8 cucchiai di latte
  • 8 cucchiai di mostarda d’uva
  • 1/2 bustina di lievito vanigliato istantaneo per dolci
  • Qb Granella di pistacchio


Preparazione :

In una ciotola mettere le uova e lo zucchero e lavorare con la frusta sino a che diventa chiaro e spumoso.
Aggiungere la farina e il lievito. Lavorare alcuni minuti con la frusta poi aggiungete il latte, l’olio e la mostarda d’uva. Mescolate tutto bene con la frusta sino ad ottenere un composto omogeneo, mettere poi il composto in una tortiera con carta forno e decorare in superficie con la Granella di pistacchio.
Infornare in forno pre-riscaldato a 160 gradi per 25 minuti.


Consigli di ramona👩‍🍳:

Fate la prova dello stuzzicadenti prima di toglierla dal forno, deve uscire completamente asciutto e pulito.

Questo è l’effetto finale, in base alla ricetta proposta da Ramona Allegri 😉 la nostra foodblogger di fiducia!

articoli correlati di ricette promosse dalla nostra Ramona

L’articolo Ramona e le sue ricette: Torta alla mostarda d’uva e pistacchio proviene da Passione Vera.

continua

news

Rita Cerimele è al suo 8articolo nella rubrica “Passione e cambiamento”-Tempo sospeso

Pubblicato

il

da

Rita Cerimele ci parla oggi di….

“Tempo Sospeso”

La suggestione nello haiku è paragonabile allo sguardo oltre il vetro appannato della finestra. Le cime innevate catturano l’istante e il resto del mondo scompare. Si rimane da soli con la propria interiorità. Il senso della coscienza si espande. Si diventa parte del paesaggio.

Leggeri come  nebbia.

Lo haiku è un componimento formato da 17 sillabe (5/7/5) di origine giapponese. Anticamente era la parte iniziale di una poesia lunga. Si tratta di una forma poetica telegrafica che esprime un diretto contatto col mondo naturale. Esclude il soggetto e si sofferma su un solo irripetibile istante.

Rita Cerimele

Nel lettore lascia un’emozione, un sentimento rarefatto. Lascia anche una sospensione sottolineata dall’unico segno di interpunzione posizionato alla fine del primo verso.

Il 2021 è iniziato da 15 giorni e la sospensione del tempo rimane nell’aria, nelle attività quotidiane. Lo spirito di adattamento ha tuttavia consentito una parvenza di “normalità”.

Si sopravvive, nonostante tutto. E si vive, quando la narrazione del sentimento diventa il sentimento della narrazione in questo tempo sospeso relegato dietro i vetri appannati della finestra.

Vetri appannati –

Il mondo cancellato

articolo correlato:

L’articolo Rita Cerimele è al suo 8articolo nella rubrica “Passione e cambiamento”-Tempo sospeso proviene da Passione Vera.

continua

Trends