Seguici su:

Fabia Tonazzi

Manupuma presenta “Pearls”

Pubblicato

il

Da venerdì 26 febbraio sarà in rotazione radiofonica e su tutte le piattaforme digitali “PEARLS”, il nuovo singolo di Manupuma.

Manupuma– Pearls è il primo brano in uscita dell’EP Perle da cui ha preso il titolo, nella versione italiana del termine.

Ecco come spiega la nascita del brano Manupuma:

Pearls è una cover di Sade, un’artista che amo da sempre e incondizionatamente. Ho riascoltato questo pezzo dopo tantissimo tempo e…

In una situazione così unica e rara come quella del confinamento, la potenza e luce di questa preghiera di amore universale mi hanno folgorata.

E poi ho consumato questo pezzo di ascolti, fino a decidere di farne una versione mia. Inoltre ho cercato una chiave per poter entrare nel pezzo; mi ha guidato l’urgenza delle parole, l’urlo di dolore dolcissimo nella sua voce, i violini, i respiri. 


La voce di Sade è stata la mia guida nella ricerca:

un momento per riflettere sul nostro lato umano, spirituale, che si è perso e chiede, a gran voce, nel silenzio, di essere ritrovato. – continua Manupuma

Pearls ha creato una connessione profonda tra me e i musicisti Gianluca Mancini e Michele Ranauro con cui ho lavorato a distanza. In attesa dell’uscita del mio EP, spero che questa canzone vi faccia ritrovare, attraverso la musica, un po’ di anima, così’ com’è successo a noi.”

Biografia

Artista legata a doppio filo alla musica, alla recitazione e al mondo della moda, Emanuela Bosone, in arte Manupuma, ha un istinto naturale per la musica, un bagaglio da attrice come membro italiano dell’actor’s studio.

E’ la regista argentina Naira Gonzalez, che la scopre, la forma e la spinge a lavorare sulla voce.

Importante è l’uso della voce così come l’espressività della scrittura che hanno preso presto il sopravvento sulla dimensione attoriale, senza però farle abbandonare la passione per le performance che si avvicinano al teatro.

Tornata a Milano dopo diversi anni in giro con compagnie teatrali e inizia a lavorare negli studi e a prestare la sua voce per jingle, spesso scritti e composti da lei e approfondisce lo studio della voce  con la jazzista Danila Satragno. Nel 2009,  con “Charleston” vince il premio per la migliore interpretazione. Partecipa al disco di Pacifico ‘Una voce non basta’ con il brano Solo se ci credi(l’estate di chi aspetta) ed divide il palco con Joan As Police Woman aprendo le date del suo tour teatrale. 

Il suo album d’esordio, intitolato Manupuma, è uscito per Universal Music Italia nel 2014 ed è stato scritto interamente con Michele “De Maestro” Ranauro (musicista e produttore di raffinato stampo pop e jazz) che ne ha curato gli arrangiamenti.

Al disco hanno partecipato musicisti come il violinista e produttore Davide Ross (Coldplay),  Ferdinando Masi (Casino Royale) e PierLuigi Petris (Sorelle Marinetti).  Anche la moda ha puntato gli occhi su Manupuma: la Maison MOSCHINO ha scelto per la sua campagna advertising mondiale il brano ‘Ladruncoli’, affidandole anche, per una successiva campagna mondiale, una versione del brano ‘My life is a sunshine’.

Le canzoni di Manupuma nascono piano e voce, con una ricerca particolare della melodia, che attinge al suo mondo interiore. I suoi testi affondano il colpo, scegliendo parole e assonanze poco comuni. Parole che non mancano mai di suonare ironiche e leggere e al tempo stesso.

Si tratta di parole intense e profonde, sorretti dall’uso molto consapevole di una voce sempre in equilibrio sul filo dell’emozione e capace di regalare intensità ad ogni brano. 

Nel Novembre del 2019  è uscito il singolo “Petra“, brano che avrebbe dovuto anticipare   il suo secondo album, ma a causa della situazione senza precedenti, viene rischedulato tutto per il 2021. Durante il primo lockdown si creano delle nuove sinergie e  Manupuma e Arisa , decidono di cantare insieme ”Nucleare”, un brano scritto da Manupuma.

Il brano esce a fine maggio per Fondazione Rava con l’obiettivo di devolvere i proventi ai reparti maternità’ del Sacco  e della Mangiagalli di Milano e di altre città’ in difficoltà per l’emergenza sanitaria in corso.  

Durante questo strano periodo sospeso, l’artista riprende in mano il suo archivio musicale riscoprendo cover incise, dimenticate. Manupuma sente la necessità di essere ancora una volta interprete, attrice nel mondo della musica.

E’ con Michele Ranauro e Gianluca Mancini, produttori dell’EP, che l’artista inizia a mettere mano e cuore…E’ così che rivivono alcune di queste cover e due inediti, uno in inglese e uno in italiano.
L’EP, dal titolo “Perle“ uscirà in primavera per Irma Records; il primo brano dell’EP “Pearls” è una cover di Sade da cui prende il titolo l’album, uscirà invece a fine febbraio.

Ricordiamo che la cantante si trova anche su Facebook e Instagram

L’articolo Manupuma presenta “Pearls” proviene da Passione Vera.

continua
Annuncio
commenta

Scrivi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Fabia Tonazzi

Gaudiano a SanRemo con “Polvere da sparo”

Pubblicato

il

da

Gaudiano, classe ’91, è in gara tra le Nuove Proposte della 71esima Edizione del Festival di Sanremo, con “Polvere da sparo”(Leave Music / Adom Music / Sony Music).

Si tratta di un brano travolgente, dedicato alla perdita del padre, capace di descrivere tutte quello che rimane quando, attraversato il dolore, accettiamo la perdita di una persona amata. 

 Con “Polvere da sparo”, Gaudiano si è aggiudicato un posto tra le Nuove Proposte.

Gaudiano si è distinto tra le oltre 900 canzoni pervenute alla Rai per questa edizione, superando le audizioni e conquistando pubblico e giuria nelle serate di Amasanremo. 

“Polvere da sparo” cantata da Gaudiano esprime attraverso parole urgenti, la rabbia, il rifiuto. La solitudine di fronte al lutto e una costellazione di ricordi straordinariamente vivi. Capaci di custodire il senso più profondo di un rapporto tra padre e figlio. Sono i pensieri di Gaudiano, ma anche di tutti quelli che direttamente o indirettamente hanno conosciuto il dolore dell’assenza.

I momenti insieme sono diventati immagini.

Le immagini si son fatte spazio e io ho deciso di custodirle, per parlare di lui, di noi, del dolore e della mia rinascita. Questo è “Polvere da sparo”.

In collaborazione con Friends&Partners, ha da poco annunciato i suoi primi appuntamenti dal vivo: il 21 novembre ai Magazzini Generali di Milano e il 25 novembre al Largo Venue di Roma.

 Sul palco del Teatro Ariston, a Sanremo, Gaudiano vestirà PiaLauriCapri. Alta sartoria da uomo, una collaborazione nata grazie alla designer&stylist Giovanna Silvestri che ha curato il suo outfit.

Calzature di Faggioli Atelier e gioielli artigianali argento cesellati a mano di Claudio Calestani. Per il Daytime indosserà Diesel e scarpe di Giuseppe Zanotti. Styling per le foto di Claudia Pajewski e ulteriori outfit daytime: Camilla Carè.In collaborazione con Gibot, Roma.

Pillole su Guadiano :

Luca Gaudiano nasce a Foggia il 3 dicembre del 1991, da madre docente di lettere e papà ingegnere. Ed è proprio suo padre ad iniziarlo alla musica, regalandogli una chitarra per il suo quindicesimo compleanno. Dopo il diploma, si trasferisce a Roma per approfondire gli studi musicali.

Vive alcune soddisfacenti esperienze nell’ambito del teatro musicale e decide di concentrarsi sulla sua musica. Negli ultimi tre anni ha accompagnato verso la fine terrena suo padre. Un uomo che ha lottato senza rancore e con estrema dolcezza contro un tumore al cervello.

Si definisce “un reduce di guerra salvato dalla musica”.

L’esperienza traumatica lo induce a trasferirsi a Milano. Qui trova ispirazione per la produzione dei suoi brani, che registrerà insieme al producer Francesco Cataldo, grazie all’incontro con Adom Srl e Leave Music.

Il 25 settembre 2020 debutta con un 45giri digitale: “Le cose inutili” (Leave Music), con all’interno un lato A. “Le cose inutili” è un singolo di punta dell’esordio scritto durante lockdown, e un lato B, “Acqua per occhi rossi”.

Si presenta a Sanremo Giovani con “Polvere da sparo”.

articoli collegati al cantante Gaudiano:

L’articolo Gaudiano a SanRemo con “Polvere da sparo” proviene da Passione Vera.

continua

Fabia Tonazzi

Linguine con sugo alle olive Taggiasche, la ricetta di Ramy!

Pubblicato

il

da

Ingredienti previsti:

  • 250 gr linguine,
  • 300 ml passata di pomodoro,
  • una decina di olive,
  • Qb sale e pepe,
  • 1 filo d’olio extravergine d’oliva,
  • 3 foglie di basilico fresco

Preparazione:

Prepariamo il sugo mettendo un filo d’olio extravergine d’oliva, la passata di pomodoro, sale e pepe a fiamma media per 10 minuti. Passati i 10 minuti aggiungere le foglie di basilico e le olive, coprire con coperchio e far cuocere per 10 minuti a fuoco lento.
Una volta che il sugo è pronto mettere a bollire abbondante acqua con due prese di sale grosso. Quando inizia a bollire versare le linguine e far cuocere 8 minuti (o quanto indicato nella confezione, dipende dal marchio)
Una volta pronte Scolatele e conditele con il sugo, una volta Impiattato aggiungete alcune olive Taggiasche e qualche foglia di salvia per decorare.

Vi ricordo che Ramona Allegri è una food blogger ormai affermata, se cercate altre ricette oltre quelle di questa rubrica potete collegarvi sul suo sito o contattarla sui social dove è presente come Instagram e Facebook

articoli collegati:

L’articolo Linguine con sugo alle olive Taggiasche, la ricetta di Ramy! proviene da Passione Vera.

continua

Fabia Tonazzi

Viviana Nobilini: “Attualmente mi dedico completamente alla scrittura, la mia passione da sempre”

Pubblicato

il

da

Viviana Nobilini è l’autrice del libro “Come una cometa” edito da Le Mezzelane.

In questa intervista abbiamo chiesto a Viviana Nobilini di parlarci di lei e della sua passione per la scrittura.       

Viviana Nobilini

 Viviana, raccontati e raccontaci chi sei !

Non è facile autodefinirsi, ma ci provo. Mi ritengo una persona affidabile, empatica e sensibile. Tra i difetti, direi che sono testarda,esigente, ansiosa. Come hobbies, amo leggere ogni genere di libro, ma prediligo i thriller psicologici e le storie di vita vera. Mi piace molto camminare, fare nordic walking, ballare.

Adoro i giochi da tavolo e naturalmente… scrivere! Ho avuto diverse esperienze lavorative presso varie ditte e nel campo  dell’insegnamento. Attualmente mi dedico a tempo pieno alla famiglia e alla scrittura.  ” 

Il tuo rapporto con il tuo lavoro, ti piace quello che fai? Per te è una passione vera o ti sei adattato al contesto in cui vivi?

In passato mi è capitato di non sentirmi realizzata nel lavoro. Attualmente mi dedico completamente alla scrittura, la mia passione da sempre.“ Come una cometa”, raccolta di racconti e poesie, è il mio primo libro.

Quali ostacoli, se ci sono stati, hai sperimentato durante il percorso e come li hai superati? Cosa diresti a chi comincia un percorso come il tuo. Quanto è stata importante per te la passione che hai messo in quello che stavi realizzando.

Amo scrivere dall’età adolescenziale. Ho iniziato dapprima con le poesie e in seguito con i racconti, le prime per esprimere emozioni forti, i secondi per narrare episodi importanti della mia vita. Non ho mai scritto con l’intenzione di far leggere ad altri. Soltanto un paio di anni fa, ho avuto l’idea di inviare i miei scritti a una casa editrice non a pagamento.

Dopo qualche mese il direttore editoriale mi ha comunicato che avrebbero pubblicato le poesie e i racconti e da quel giorno è iniziata la mia avventura che mi sta dando molte soddisfazioni. Quindi mi ritengo fortunata perché nel mio percorso di scrittrice non ho incontrato alcun ostacolo.

Alla base di tutto c’è stata la passione per la scrittura e il desiderio di condividere con gli altri emozioni e di trasmettere messaggi. Consiglio vivamente a chi ha la mia stessa passione di non arrendersi mai, anche nel caso in cui si trovi di fronte a qualche rifiuto.

Viviana Nobilini

Il tuo rapporto con la vita, il tuo motto, le tue credenze.

“Amo la vita e le sono immensamente grata. Nonostante sia stata segnata da un evento drammatico, la vita mi ha donato molto: due splendidi genitori, una sorella e in seguito l’amore, due figli meravigliosi e qualche amicizia speciale.”

Sicuramente “Ciò che non ti uccide ti rende più forte”di Nietzsche è una frase che condivido.

La fede in qualcosa di immenso e incomprensibile, che secondo me altro non è che Amore, mi ha sempre aiutato a rialzarmi dopo le inevitabili cadute della vita.

Il tuo idolo, c’è qualcuno a cui ti ispiri per realizzare la tua vita?

Non ho idoli, ma stimo alcune persone della storia che ritengo “grandi” nella loro umiltà. Tra questi, Gesù, Gandhi e tutti gli anonimi che dedicano la loro vita ad aiutare gli altri, con determinazione e coraggio.

Il libro, l’opera d’arte, o  la trasmissione televisiva/ radiofonica  (ecc…) più famosa che avresti voluto realizzare tu, Viviana

Amo la pittura e considero gli artisti in questo campo dei veri maghi, forse perché io sono negata nel disegno. Mi piace molto l’impressionismo, in particolare Monet e le sue opere, tra cui “I papaveri” , “San Giorgio Maggiore al crepuscolo” e “Lo stagno delle Ninfee”.

Mi affascinano la maestria nell’accostamento dei colori e la delicatezza delle immagini. Ammiro molto chi sa dipingere e sa cogliere i particolari in un tratto di colore, rendendo vivo un disegno. Mi piacerebbe essere in grado di farlo, ma so che non ci riuscirò mai.

La citazione preferita di Viviana Nobilini

“La vita non è aspettare che passi la tempesta, ma imparare a ballare sotto la pioggia”

Mahatma Gandhi

Credo che riuscire a sorridere e a cogliere ciò che c’è di bello anche nei momenti più difficili sia il segreto della felicità.

Il tuo ultimo “successo”lavorativo, affettivo, quanto è il frutto della tua spontaneità ed esperienza e quanto invece è il risultato  di fattori esterni, Viviana Nobilini

 “Mi sento realizzata e soddisfatta quando vivo momenti di serenità familiare, con mio marito e i miei ragazzi. Li guardo e penso che l’amore che provo per loro sia la cosa più bella che mi sia capitata nella vita. Questo per me è un successo. Nel campo della scrittura, essere riuscita a trasmettere emozioni e ad arrivare al cuore delle persone attraverso i miei racconti e poesie è stata una grande gioia.

Prossimi eventi

Ho in programma diverse interviste radiofoniche e online. Spero di riuscire al più presto a fare una presentazione del mio libro “Come una cometa” in presenza, cosa che non è ancora stata possibile a causa dell’emergenza sanitaria, che ha colpito duramente anche il settore della cultura.

Contatti di Viviana Nobilini

           Ho soltanto il profilo Facebook e Instagram.

Articoli collegati:

L’articolo Viviana Nobilini: “Attualmente mi dedico completamente alla scrittura, la mia passione da sempre” proviene da Passione Vera.

continua

Trends